La serenita'...questa sconosciuta

Per riscoprire la tanto desiderata serenita', la prima cosa da fare e' rendersi conto che qualsiasi esperienza ci accada, presenta almeno due differenti prospettive, una positiva ed una negativa. Molto spesso, la vita ci insegna che non sempre le vicende che nell'immediato ci appaiono positive ed eccezionali, si rivelino a lunga distanza tali. Allo stesso modo avviene con quelle negative, ovvero che molto spesso si trasformano in grandi opportunita' di crescita e miglioramento! Imparare a guardarecon occhi nuovi necessita di molto allenamento, ma non e' impossibile! Se da solo non ce fai, contatta la psicologa: ti aiutera' a ritrovare la tua serenita'.

CONTATTAMI TORNA ALLA HOMEPAGE

Condividi su:


serenita'

La serenita'...questa sconosciuta

Nella mia esperienza, clinica e privata, sono tante (anzi tantissime) le volte che mi sono imbattuta in persone tristi, scontente, infelici...persone a cui sembrava (e sottolineo, "sembrava") la vita avesse negato ogni possibilita' di essere felici... Ho allora iniziato a dedicarmi a questo, anche perche' la mia vocazione professionale mi spinge in modo naturale verso la ricerca di possibili modi per aiutare le persone a ritrovare la serenita'!
Non e' stato immediato individuare la possibile via di uscita dall'infelicita' di queste persone, ma alla fine ce l'ho fatta, almeno credo, e vi regalo nelle righe che seguono quanto sono riuscita a scoprire!

Innanzitutto, la prima cosa da fare e' rendersi conto che qualsiasi esperienza ci accada, presenta almeno due differenti prospettive, una positiva ed una negativa. Molto spesso, inoltre, la vita ci insegna che non sempre le vicende che nell'immediato ci appaiono positive ed eccezionali, si rivelino a lunga distanza tali. Allo stesso modo avviene con quelle negative, che molto spesso, a distanza di tempo, si trasformano in grandi opportunita' di crescita e miglioramento!
Pensiamo ad esempio ad una vincita ingente di denaro: colui che improvvisamente scopre di aver vinto alla lotteria, nell'immediato e' felicissimo!! Si ritrova improvvisamente ricoperto di soldi! Finalmente (gli sembra) puo' dedicarsi a viaggi, comprare abbigliamento ed accessori firmatissimi, cambiare auto, acquistando la super cilindrata che da sempre sognava... ma ahime' tutto questo in breve puo' trasformarsi in negativo, e in piu' di un modo! Uno, ad esempio, e' che l'auto super potente tanto sognata potrebbe rivelarsi causa di un grave incidente stradale...un altro esempio e' che tutta questa improvvisa ricchezza, possa iniziare ad attirare sul vincitore l'attenzione di malviventi, che potrebbero far di lui e della sua famiglia, i loro bersagli...
Insomma, non per rattristarci, ma e' solo un piccolo esempio di come realmente ogni singola cosa ci accada, possa avere tante possibili letture.
Un altro esempio in cui mi sono imbattuta e' l'improvviso (che, sembra "improvviso", ma a volte poi tanto improvviso non e') trasferimento all'estero di un conoscente. Anche questa situazione, a seconda del modo in cui viene vissuta e in cui la si decide di leggere, puo' trasformarsi in opportunita' o in disgrazia. Si trasformera' in opportunita', ad esempio, se le persone coinvolte, decidendo di far le valige ed andare a trovare questo conoscente partito, ovvero utilizzeranno questo evento per superare le proprie paure e utilizzare questo allontanamento come opportunita' per visitare luoghi nuovi ed avvicinarsi a culture diverse. Si trasformera', al contrario, in disgrazia, se si fermeranno paralizzati davanti alla notizia del trasferimento e reagiranno piangendo, pensando alla lontananza che inevitabilmente li allontanera' dalla loro amicizia.
Anche in questo caso e' evidente come lo stesso identico evento possa avere letture e conseguenze completamente opposte.
Cambiare prospettiva diventa quindi il primo importantissimo passo verso la serenita'!

Certo puo' non esser semplice, all'inizio, riuscire a effettuare questo cambiamento, ci vanno molto sforzo ed impegno, ma e' una fatica che alla fine ripaga! Perche' questo nuovo modo di pensare diventera' incontrollato ed incontrollabile...diventera' una vera e propria forma mentis...proprio come, inizialmente, lo era il pessimismo, che portava a leggere ogni cosa in modo negativo.
Allenandoci, giorno dopo giorno, a leggere gli eventi in positivo (ricordando che ogni evento ha almeno due possibili modi di essere letto), la trasformazione avverra'! E ad accorgervene sarete voi stessi, che inizierete improvvisamente a sentire dentro di voi la serenita' che da tempo vi mancava! Vi sentirete piu' leggeri...ma non sarete solo voi ad accorgervene! Anche le persone intorno a voi avvertirannoil cambiamento! Inizieranno a ricercare la vostra compagnia...perche' una persona felice e solare sa mettere serenita' e buon umore a chi le sta vicino!!...e si sa, felicita' e serenita' piacciono a tutti!

Il passo successivo per trovare la serenita' e' imparare a perdonare.
Quasi sempre le persone infelici hanno nel loro bagaglio di esperienze delle delusioni, delle sofferenze, delle esperienze negative...Poiche' la mia formazione professionale mi ha portato ad essere una psicoterapeuta sistemica, non posso qui non sottolineare come praticamente ogni evento della nostra vita (positivo o negativo che sia) e' un'esperienza relazionale, ovvero che coinvolge non solo il singolo, ma anche altre persone. Le persone infelici, quindi, se sono tali, lo devono ad esperienze che hanno vissuto con altre persone...e poco vale per un infelice dirgli "Il torto sta sempre a meta'" oppure "Ma sei sicuro di non aver avuto avvisaglie?? Probabilmente qualche segnale che le cose non andavano bene ci sara' stato...forse avrai preferito non vederlo, far finta di niente...ma probabilmente ci sara' stato" ... La persona a cui e' stata rubata la serenita' non sente ragioni: il suo unico sentimento e' il sentirsi triste, perdente, vittima...ed allora, in questi casi, unitamente al cambio di prospettiva, il perdono diventa fondamentale!
L'incapacita' di perdonare chi ci ha coinvolto in esperienze negative che ci han fatto del male e che ci han rubato la serenita', si trasforma in rancore, in sfiducia nel futuro, in odio, in rabbia....tutte emozioni che ci tolgono energia ed indirizzano la poca energia rimasta verso pensieri negativi...come un vortice senza fine... Perdona dunque! Impara a guardare le vicende con occhi nuovi, prova a guardare le esperienze che a te sono apparse fino ad ora cosi' negative, con gli occhi di chi stava dall'altra parte... Allenati a farlo, allenati a questo cambio di prospettiva... sara' questo il modo per capire che forse, chi ti ha privato della serenita', non lo ha fatto apposta...ma probabilmente sono state le circostanze e gli eventi che si sono susseguiti nel tempo (e di cui anche tu sei stato partecipe attivo), a determinare determinate azioni... Sara' grazie a questo allenamento nel guardare alle azioni con occhi nuovi, che potrai ampliare il tuo punto di vista, comprendendo anche quello degli altri...e cosi' facendo nella tua mente e nel tuo cuore si aprira' la porta del perdono... Un perdono che fara' bene prima di tutto a te stesso! Perche', come dice un antico detto buddhista, e' solo attraverso il perdono che si puo' abbandonare quello scomodo e pesantissimo "zaino" che ci portiamo sulle spalle, carico di rancore, di risentimento, di sfiducia verso gli altri e verso il futuro che ci aspetta...e raggiungere la serenita'...

"Perdona gli altri, non perche' essi meritano il perdono, ma perche' tu meriti la pace"

Una volta appresi i modi per avvicinarsi a questi due cambiamenti, il cambiamento di prospettiva ed il perdono, la vita magicamente si capovolgera'...e la serenita' sara' finalmente tua!

Per contattarmi, inviami una e-mail a info@iotiaiuto.net

Se pensi di aver bisogno del mio aiuto per ritrovare un po' di serenita' perduta, puoi visitare la pagina dedicata ai servizi online!
Sono qui anche per te! Insieme troveremo un modo per aiutarti!

Le mie rubriche

Laura Canis
Psicologa e psicoterapeuta

Laureata nel 2007 in Psicologia dello Sviluppo e dell'Educazione. Mi sono occupata di psicodiagnosi e percorsi di sostegno a soggetti in eta' evolutiva presso l'Asl 8 di Chivasso (To), ho iniziato a dedicarmi alla ricerca di quale fosse realmente la mia vocazione, all'interno dell'ambito psicologico. Ho cosi' incominciato a sperimentarmi in contesti diversi, ricoprendo ruoli professionali e mansioni tra loro anche molto differenti, tra cui addetta alla selezione del personale presso un'agenzia di lavoro interinale, psicologa/educatrice (Servizio di Educativa Territoriale), volontaria presso l'associazione DI.A.PSI. per malati psichici e collaboratrice presso la comunita' psichiatrica Il Porto. Col passare degli anni, finalmente la mia ricerca trova la sua risposta! Il mio desiderio si esaudisce quando decido di intraprendere un ulteriore percorso formativo di specializzazione quadriennale avente come obiettivo acquisire gli strumenti per aiutare non solo gli individui, ma anche coppie ed interi nuclei famigliari in difficolta'. Nel 2015 conseguo il titolo di Psicoterapeuta familiare, grazie al quale ho intrapreso una collaborazione quinquennale con l'Asl territoriale di Nichelino e Moncalieri (Torino). Attualmente svolgo l'attivita' di psicologa e psicoterapeuta come libera professionista, presso il mio studio a Torino - Moncalieri e Online Skype Whatsapp.