Dipendenza da internet e devices

Vi e' mai capitato di andare a una cena tra amici che non vedete da tempo, finalmente felici di rivedervi per potervi raccontare le cose fatte nei mesi passati, ma trovarsi invece davanti a un gruppo di persone ciascuna catturata dal suo smartphone?
Ecco, se la tua risposta e' si, probabilmente i tuoi amici sono affetti da dipendenza da device, e il comportamento manifestato, di cui molto probabilmente non sono consapevoli, e' un sintomo di questo nuovo disturbo, sempre piu' dilagante tra i giovani ma non solo.

CONTATTAMI TORNA ALLA HOMEPAGE

dipendenza da internet smartphone sostegno relazione genitori figli a Torino e Moncalieri

Dipendenza da internet, smartphone e devices

Vi e' mai capitato di andare a una cena tra amici che non vedete da tempo, finalmente felici di rivedervi per potervi raccontare le cose fatte nei mesi passati, ma trovarsi invece davanti a un gruppo di persone ciascuna catturata dal suo smartphone?

Ecco, se la tua risposta e' si, probabilmente i tuoi amici sono affetti da dipendenza da device, e il comportamento manifestato, di cui molto probabilmente non sono consapevoli, e' un sintomo di questo nuovo disturbo, sempre piu' dilagante tra i giovani ma non solo. Ma cerchiamo di capirne qualcosa di piu'.
Dopo il proliferare di smartphone e connessioni super veloci, l'utilizzo di smartphone ed in generale di devices che utilizzano internet è diventato dilagante.
L'epoca storica che stiamo vivendo, inoltre, caratterizzata per molto tempo dall'obbligo di esser dovuti rimanere chiusi in casa al fine di prevenire e cercare di contenere la diffusione del Covid, cosi' come l'impossibilita' di frequentare la scuola e gli ambienti sportivi, ha incentivato ulteriormente un fenomeno gia' di per se' in grande espansione.
Riuscire a riconoscere il momento in cui scatta la dipendenza da internet e da smartphone spesso non è semplice da riconoscere. Nonostante quel che sia solito credere infatti, non è tanto il conteggio delle ore che fa sì che si possa parlare di dipendenza da internet o smartphone, quanto il fatto che il soggetto inizi a confondere la realta' virtuale con quella reale, al punto da iniziare a non parlare con le persone reali intorno a lui, o non uscire dalla propria camera, preferendo invece “vivere online” (ad esempio guardando serie, chattando con amici a distanza, giocando ai videogiochi...) piuttosto che incontrare persone reali, uscire, andare a giocare a pallone o a chiacchierare con le amiche.
Quali correlazioni?
Numerose ricerche confermano che al disturbo di dipendenza da device, si associa il rischio il rischio di andare sui siti di gioco d'azzardo online (videopoker o gioco d'azzardo), l'abuso di alcol e, nel caso di abuso da videogiochi, incorrere nel rischio di un'assuefazione alla violenza (penso ai videogiochi, dove il punteggio dipende spesso da quante persone vengono ammazzate).
Guardando i dati della Societa' Italiana di Pediatria, coloro che hanno una dipendenza da internet hanno un consumo di alcolici 4 volte superiore ai coetanei.
Internet di per se' non sponsorizza l'utilizzo di alcol, ma cio' che crea tendenza ad usarlo sono i messaggi di sottofondo che ritroviamo nei videogiochi o in generale su internet... ad esempio il fatto che “i migliori, i vincenti utilizzano l'alcol”, il fatto che l'alcol sia un elemento che pare “aiutare” le prestazioni” nei videogiochi. Oltre a cio' vi e' il fatto che spesso tra i giovani vi sia una scarsa percezione di cosa sia alcolico (e quindi possa far male) e cosa non lo sia. In particolar modo la birra, nella mentalita' dei piu' giovani e' diventata una bibita al pari della Coca Cola, in quanto, dicono “intanto la gradazione e' bassa”... non rendendosi conto che cio' che crea la dipendenza o l'abuso di alcol, non e' il fatto di bere bibite altamente alcoliche, ma il fatto stesso di assumere alcol, indipendentemente dalla sua concentrazione: non e' la gradazione che fa la differenza tra una sostanza e l'altra. Inoltre, l'utilizzo di alcol porta a isolarsi, alimentando a perdere il contatto con la realta'.
Nel mondo virtuale non esistono leggi, non esiste controllo, e questo fa perdere il controllo della consapevolezza. Moltissimi ragazzi finiscono in pronto soccorso perche' hanno visto su internet qualcosa che decidono di replicare (ad esempio gare di velocita' in auto), senza rendersi conto che “realta'” e “realta'-virtuale” sono molto differenti.
Molto spesso quando un adolescente ha dipendenza da internet, almeno uno dei due genitori soffre di tecnodipendenza. Solitamemte le madri hanno dipendenza da smartphone, mentre i padri da videogiochi (es, vedi le consolle ecc).
Curiosita' molto interessante e' che coloro che soffrono di tecnodipendenza, parlano nella stessa modalita' con cui parlano i dipendenti di altro genere, ad esempio e' frequente ascoltare “No, ma non uso tanto il computer”, che in versione di dipendenza da alcol e' “No ma, non bevo mica tanto!”.
La diagnosi di tecnodipendenza, proprio per una incapacita' a rendersi conto del disturbo, viene solitamente fatta dall'esterno, proprio per il fatto che molto spesso gli stessi genitori sono coinvolti in una tecnodipendenza, che loro stessi sottovalutano.

Se pensi di aver bisogno del nostro aiuto, puoi visitare la pagina dedicata ai nostri servizi!
E se abiti a Torino, nel mio studio sara' possibile intraprendere insieme un percorso di sostegno alla genitorialita', finalizzato proprio ad aiutarti a comprendere come poter esser di aiuto a tuo figlio.


CONTATTAMI
consulenza psicologica Online Skype Whatsapp Laura Canis terapia di coppia Torino Moncalieri famiglia terapia familiare

Le mie rubriche

Contatta la psicologa

Inserisci il tuo indirizzo e-mail*
Oggetto*
Messaggio*